Accensione Riscaldamento 2011

Da sabato 15 ottobre scatta la possibilità di accensione del riscaldamento per il 2011: i Comuni che potranno avviare i propri impianti di riscaldamento sono quelli appartenenti alla fascia E, ovvero quelli situati nelle zone climatiche piu’ fredde, in particolare Centro-Nord, Abruzzo, Molise, alcune aree del Lazio e dell’Umbria ed al sud Enna e Potenza.

Ricordiamo che l’Italia è suddivisa in sei fasce climatiche, individuate da una lettera: per i comuni che rientrano nella fascia A il periodo di accensione delle caldaie è previsto dal  1 dicembre al 15 marzo per un massimo di 6 ore al giorno; per la fascia B dal 1 dicembre al 31 marzo per 8 ore; per la fascia C dal 15 novembre al 31 marzo,  10 ore); in fascia D il periodo va invece dal 1 novembre al 15 aprile per 12 ore; i comuni di fascia E dal 15 ottobre al 15 aprile fino ad un massimo di 14 ore; infine i comuni che rientrano nella zona F non hanno alcuna limitazione.

Ovviamente i periodi di accensione decisi da Confedilizia sono indicativi e possono essere quindi ampliati a discrezione del singolo Comune. In caso di necessità invece l’utilizzo dell’impianto di riscaldamento, pur senza specifica normativa, è consentito solo con durata giornaliera non superiore alla metà di quella prevista a pieno regime. Nel caso di non rispetto della normativa relativa alla accensione delle caldaie i trasgressori potranno essere puniti con sanzioni che variano dai 500 ai 3.000 euro.

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>