Arredare Mansarda

Sia che si tratti di un’ espansione della superficie dell’appartamento sottostante collegata  da una graziosa scaletta a chiocciola o dell’unica soluzione abitabile abbordabile economicamente può essere divertente arredare la mansarda.

I vantaggi della mansarda consistono nell’originalità delle linee, definite dall’inclinazione del tetto che spezza la monotonia della classica stanza a soffitto regolare.

Se poi oltretutto si utilizza il  legno risulta essere davvero un ambiente molto intimo e accogliente, oltre all’indiscutibile fascino che possono avere le travi a vista di legni secolari consumate dal tempo.

Altro aspetto interessante è rappresentato dal fatto che dal fatto che corrispondono con la parte culminante dell’abitazione sono davvero molto luminose e caratterizzate da suggestivi lucernai o romantici abbaini.

Tutto ciò corrisponde di per sé a creare un’arredamento caldo accogliente tuttavia non si possono non considerare alcuni difetti.

Anzitutto il vincolo delle altezze che impedisce di ospitare mobili alti poichè le zone elevate sono occupate da porte o spazi riservati a tavoli o altri elementi portanti.

Infine nelle strutture mansardate una parte delle pareti deve essere occupata dall’impianto di condizionamento, assolutamente indispensabile in molti climi.

Questo può danneggiare la funzionalità dell’arredo anche perché le mansarde più vecchie non prevedono alcuna predisposizione per l’impianto che quindi è ben visibile e ingombra l’ambiente.

Per ottenere un effetto assolutamente magico qualora la metratura lo permetta, si può sfondare il tetto e creare un bel terrazzo che oltre a regalarci una vista spettacolare è utile per eliminare la parte bassa che di solito rimane pressochè inutilizzata.

Questa voce è stata pubblicata in Arredamento e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>