Come arredare la casa in montagna

Quando si acquista una seconda casa per i weekend o per le vacanze in alta quota è inevitabile immaginare come possa essere trasformata in un piccolo e grazioso rifugio che ci preservi dallo stress e dalla caotica vita cittadina.

Ecco per voi qualche consiglio su come arredare la casa in montagna.

Che si tratti di un piccolo appartamento o di un rustico ristrutturato, tante sono le soluzioni per far sì che uno spazio anche minimo diventi un angolo di Paradiso. Generalmente, quando si decide di fare il grande passo e prendere una casa in montagna, è necessario rivolgersi a falegnamerie specializzate dato che le misure a nostra disposizione sono spesso limitate e, dunque, diventa obbligatorio sfruttare al meglio ogni angolo per ricavare quanto più spazio possibile.In questi casi, occorre prevedere di farsi predisporre dei mobili su misura che si incastrino perfettamente e che non lascino punti vuoti.

D’altra parte, l’arredamento da montagna per eccellenza è senza dubbio costituito da arredi e complementi in legno che facciano in modo che la casa diventi un tutt’uno con la natura circostante. Nella maggior parte dei casi la zona giorno non prevede suddivisioni tra la cucina ed il living: una parete dunque dovrà essere adibita alla preparazione dei cibi e quindi dovrà essere strutturata con un lavandino ed un piano cottura.

In alternativa per rendere ancora più rustico l’ambiente si può evitare di installare il gas ed utilizzare per la cottura dei pasti una stufa economica a legna.La stufa avrà la doppia funzione di vera e propria cucina e dall’altra parte di pezzo di riscaldamento ausiliario laddove non siano previsti caloriferi. La zona giorno potrà essere arredata con divani letto dall’anima di legno da un tavolo massiccio con panche imbottite tutt’intorno e da una credenza dove riporre stoviglie e materiali di uso frequente.

Completa la zona living un ampio camino dal largo braciere che diventa il pezzo forte della saletta è intorno ad esso che famiglia ed amici si ritrovano nelle fredde giornate invernali.&nbsp Se avete spazio a disposizione potete immaginare di posizionare un paio di pouf pratici e veloci da spostare ed eventualmente da nascondere quando non vengono utilizzati.&nbsp Passiamo ora alla zona notte: se si ha la fortuna di avere un piccolo villino questa solitamente è posizionata al piano superiore accessibile grazie ad una scala a chiocciola rigorosamente in legno. L’ideale sarebbe riuscire a sfruttare lo spazio in altezza laddove il tetto non sia troppo spiovente: possono essere impiegati quindi dei letti a castello per i bambini o gli ospiti in visita mentre per i padroni di casa si consiglia il classico letto matrimoniale.

La base sarà in legno chiaro con qualche intarsio che renderà il pezzo d’arredamento più rustico. Calde trapunte e grandi cuscini colorati a tema invernale daranno quel tocco di colore necessario a rendere la vostra casa di montagna accogliente e allegra.Per quanto riguarda il bagnetto oltre ai sanitari che normalmente sono già installati è bene prevedere un paio di mensole e perché no uno di quei carrellini in legno a più strati su cui riporre i flaconi di sapone e shampoo.

Questi mobiletti hanno dalla loro il fatto di poter essere facilmente spostati e essendo a ripiani ” non rendono particolarmente pesante il piccolo ambiente a nostra disposizione.””” Ecco alcuni consigli per arredare la tua nuova casetta di montagna. Materiali naturali e il caldo di una stufa a legna conferiranno agli ambienti il giusto calore ti metteranno a contatto con la natura.

Questa voce è stata pubblicata in Arredamento. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>