Come scegliere il divano

“Il fattore estetico” non è la risposta migliore per il quesito come scegliere il divano. Ovvero, una volta individuato lo stile che meglio si adatta al resto della casa o della stanza che deve andare ad occupare, bisogna prestare particolare attenzione alla scelta del rivestimento e alla forma del divano stesso.

Il rivestimento può essere in tessuto in pelle in eco pelle o in alcantara.&nbsp Anche la gamma delle forme è abbastanza ampia: ad angolo lineare singolo con pouf poggiatesta o altri accessori. Prima di comprare un divano è consigliabile testarne la comodità considerando il fatto che questo è un parametro decisamente soggettivo e soprattutto pensare bene a quale sarà la sua destinazione (ingresso salotto camera da letto ecc). Infatti possono essere diverse le motivazioni che spingono a non deve provocare dolori articolari a collo e schiena.È bene che l’altezza permetta di appoggiare comodamente i piedi per terra che lo schienale sorregga perfettamente la schiena e che i braccioli aiutino ad allentare la tensione posturale. Oggi il settore decomprare un divano che verrà usato solo in casi particolari piuttosto che uno che verrà sfruttato tutti i giorni.

Quindi la prima condizione che un divano deve soddisfare è la comodità dello schienale e della seduta che ll’arredamento offre un’ampia scelta di modelli che riescono ad unire praticità e design ad eleganza e comodità. Esistono forme particolari schienali alti soluzioni componibili di design ma non bisogna distrarsi la scelta ideale è quella che soddisfa tutte le esigenze dello spazio a disposizione. La pelle è un materiale molto resistente e facilmente lavabile. Richiede una manutenzione limitata e ormai si trova in tutti i colori possibili e immaginabili. L’alternativa alla pelle sono i tessuti naturali come lana lino o cotone disponibili in tante nuances ed in molte varianti di filati.

Quando si sceglie il tessuto è preferibile optare per un modello interamente sfoderabile che si possa lavare comodamente a casa e in lavatrice. Infine ci sono una vasta scelta di materiali sintetici come le micro fibre o l’alcantara. Le prime sono igieniche facili da lavare ed impermeabili invece l’alcantara (poliestere poliuretano e cotone) ha un piacevole aspetto scamosciato morbido al tatto e trattabile con prodotti appositi. Inoltre è giusto ricordare che il divano a due posti è il più versatile in quanto si può adattare in un numero elevato di posti quello ad angolo necessità di grande spazio per non risultare ingombrante ” quello a tre posti e il più proporzionato e comodo. In ogni caso le soluzioni componibili sono le più \””camaleontiche\”” e sicuramente le più adatte alle persone che amano rinnovare gli ambienti di casa riutilizzando mobili e oggetti già esistenti. In ultimo è bene sapere che una buona struttura del divano assicura una lunga vita a questo complemento d’arredo.””” Guida alla scelta del divano di casa. Come scegliere il tessuto la forma e il modello che più si addice alla propria casa.

Questa voce è stata pubblicata in Arredamento. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>