Come scegliere la cucina

Ecco.. i lavori di ristrutturazione stanno per terminare ed è ora di pensare all’arredo. Prima fra tutte come scegliere la cucina?Ecco alcuni consigli pratici affinchè il luogo dove passiamo la maggior parte del nostro tempo sia il più possibile consono ed in armonia con chi ci vive.Stile classico o moderno? Primo dilemma risolvibile dai vostri gusti. In commercio si trovano tantissimi modelli e oggigiorno anche le cucine realizzate in legno possono avere tagli molto semplici e lineari tipici dell’arredamento contemporaneo. Anche i colori oramai spaziano in una vasta gamma con differenti sfumature anche della tinta legno (rovere grigio sabbia vanno per la maggiore) per chi vuole dare un tocco di modernità all’ambiente pur rimanendo nello stile classico. Svariati e di maggiore impatto sono invece i colori delle cucine moderne vere e proprie realizzate per lo più in alluminio laminato o laccato lucido od opaco. Qui si spazia da colori molto caldi (rosso o arancione) al verde all’azzurro e persino al nero. Senza tralasciare la possibilità di combinare tra loro differenti colori in modo tale da personalizzare e rendere armoniosa la propria cucina.

cucina rossa

Attenzione alle dimensioni del locale se è piccolo o scarsamente illuminato si tenderà a sfruttare tutto lo spazio disponibile a pavimento (basi) limitando i pensili allo stretto indispensabile (scolapiatti cappa e poco altro) in modo tale da non appesantite il vostro ambiente. Le basi saranno per lo più di colore scuro mentre i pensili saranno di una tinta più chiara se non quasi neutra. Se invece avete tanto spazio a disposizione potete anche concedervi una cucina ad isola o penisola di colori chiari. Alternate i soliti armadi con dei cassettoni maggiormente capienti e sfruttabili grazie alla loro integrale estrazione che permette di prendere agevolmente anche quello che di solito è meno a portata di mano. Per la composizione della vostra cucina dunque armatevi di metro lineare e goniometro per prendere bene le misure e le angolature (in squadra ad apertura o a chiusura).

Attenzione a dove sono posizionati gli attacchi di luce acqua e gas saranno il punto di partenza per la composizione della vostra cucina perché lì dovranno trovare spazio il lavandino la cappa e la cucina a gas. Fate sempre ricontrollare le misurazioni al vostro arredatore una volta terminati i lavori di ristrutturazione! La sagoma del top prescelto dovrà andare a coprire perfettamente le vostre basi! E anche pochi millimetri di intonaco ancora da ultimare possono fare la differenza.Il top? Si spazia dal semplice laminato ai top in pietra: dal marmo al granito e fino al quarzo talvolta come l’Okite miscelato con delle resine che lo rendono più resistente ai graffi e alle macchie e più facile da pulire. Ultimi ma non meno importanti per la personalizzazione della vostra cucina sono le maniglie e le luci. Stili colori forme sono solo alcune cose che si possono scegliere per creare la cucina perfetta. Ecco un breve guida su come sceglierla.

Questa voce è stata pubblicata in Arredamento. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>