Consigli pratici per eliminare la muffa in casa

consigli pratici per eliminare la muffa in casa

Da cosa dipende la formazione di muffa in casa? Spesso si creano delle macchie di muffa sui muri o tra le piastrelle di casa a causa dell’umidità o se non si areano gli ambienti. Ecco alcuni consigli pratici e trucchi utile per prevenire o eliminare la muffa.

La formazione di muffa in casa, specialmente negli angoli delle pareti di quelle stanze particolarmente umide o meno sfruttate, è molto frequente. La muffa non è un problema solo estetico è anche un agente tossico che può causare reazioni allergiche specialmente nei soggetti che già hanno altre allergie come quella agli acari, e, non di meno, è un agente tossico per le mura della nostra casa. Infatti nelle zone in cui si forma, generalmente si sgretola l’intonaco, causando la necessità di una manutenzione frequente e facendoci spendere più del dovuto nella manutenzione delle mura del nostro appartamento. La formazione di muffa è tipica nelle case di campagna o comunque nelle case vacanza perchè meno utilizzate e in aree metropolitane molto umide. Molto frequenti sono infatti i problemi negli appartamenti a Venezia o nelle città lacustri.

Ma cosa sono le muffe?

 Appartenenti alla famiglia dei funghi le muffe sono microrganismi di origine vegetale che penetrano nelle nostre abitazioni dall’esterno. Quello che volgarmente chiamiamo muffe in realtà sono le loro spore che se respirate creano problemi a chi ha basse difese immunitarie o a chi ha un apparato respiratorio più delicato (specialmente i soggetti asmatici e allergici).

Dove si annidano le muffe?

Sono vari gli ambienti di una casa in cui possiamo notare la formazione di muffe e questo avviene specialmente in cucina e in bagno tra le piastrelle o negli angoli dove si forma condensa. Si possono trovare nel frigorifero o sulla frutta. Altri ambienti dove spesso si formano le muffe sono sicuramente quelli meno utilizzati e per questo meno areati: soffitte, solai, ripostigli e cantine.

Come prevenire le muffe?

Per quanto riguarda gli ambienti chiusi l’unico consiglio è quello di arearli più frequentemente il che non significa soltanto aprire la finestra ma anche tenere aperta la porta di ingresso ( i ripostigli difficilmente hanno le finestre). Per quanto riguarda invece i frigoriferi i consigli sono 5:

  • Pulire frequentemente il frigo
  • Pulire le guarnizioni in maniera accurata
  • Stare attenti alla temperatura e quindi all’umidità del frigo stesso
  • Evitare di inserire in frigo alimenti con terra come i funghi
  • Controllare che non ci siano alimenti scaduti o deteriorati nel frigo

Per prevenirne la formazione tra le piastrelle oltre ovviamente a pulirle periodicamente un buon trucco è quello di pulirle utilizzando il vapore accertandovi però che poi la parete asciughi perfettamente, perché in caso contrario avrete creato un terreno fertile per la formazione di nuova muffa.

Uno strumento utile per la prevenzione è sicuramente il deumidificatore proprio perché esistono ambienti nella casa dove il tasso di umidità è talmente elevato che areare la stanza può non bastare. Ultimo consiglio: non fare aderire i mobili alle pareti permette la circolazione dell’aria anche dietro ai mobili e favorirà un ambiente più asciutto.

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>