Mutui in Calo: nel 2012 Flessione del 30%

Continua a diminuire l’erogazione di mutui in Italia: il calo è stato confermato da un recente studio condotto dalla Banca d’Italia e che riguarda una panoramica degli anni che vanno dal 2008 al 2012. Secondo i dati del rapporto il numero di contratti stipulati dai giovani sotto i 35 anni è diminuito notevolmente, facendo registrare una flessione del 30% rispetto al quadrienno precedente.

Nello specifico la quota media dei mutui richiesti dai giovani è calata al 36% circa, mentre l’età media dei sottoscrittori è aumentata di 1 anno (dal 37, 8  al 38,8). Ma quali sono le ragioni di questo calo? A parte un comune denominatore che rientra sotto il nome di crisi, i fattori che hanno determinato questo significativo calo sono molteplici e riguardano sia la domanda che l’offerta.

Dal lato delle famiglie il calo è dovuto all’aumento dei tassi di disoccupazione, alla riduzione del reddito e di conseguenza alle difficoltà economiche sopraggiunte; dal lato delle banche invece si è posto un freno e dei criteri molto più rigidi di erogazione dei prestiti, con condizioni di accesso ai finanziamenti molto diverse e proibitive.

Questa voce è stata pubblicata in Normative. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>