Oneri fiscali per chi riceve un Immobile in eredità

oneri fiscali immobili eredita

Cosa fare quando si riceve un immobile in eredità? Quali sono gli uffici di competenza e quali gli oneri fiscali dovuti allo stato? Ecco una breve guida per rispondere alle domande più comuni sugli oneri fiscali per gli immobili in eredità.

Dal 2001 è cambiata la legge sulla successione dei beni immobili. Prima era dovuta un’imposta di successione che oggi invece a prescindere da quale sia il valore del bene ereditato o del grado di parentela che intercorreva tra il defunto e il beneficiario non è più richiesta.

Inoltre dal 2002 non è più dovuta neanche l’INVIM (l’imposta sull’incremento del valore degli immobili). Quello di cui ci si deve occupare è il pagamento delle imposte ipotecarie e catastali degli immobili ereditati nelle percentuali rispettivamente del 2% e dell’1 %. Il minimo da pagare per ciascuna imposta è stabilito sui 168€ che è anche la stessa cifra da pagare nel caso in cui l’erede possa usufruire dell’agevolazione prima casa.

Una delle operazioni che si è tenuti a fare in questi casi è presentare la dichiarazione di successione nei termini prestabiliti dalla legge vigente: entro 12 mesi dall’apertura della successione all’Ufficio locale dell’Agenzie delle Entrate della circoscrizione in cui risiedeva il defunto. Con questa dichiarazione bisogna indicare gli estremi degli immobili acquisite allegare copia del Mod F23 ed una visura catastale aggiornata. Il Modello F23 non è altri che il documento che attesta il pagamento delle imposte ipotecarie e catastali sopracitate.

Sarà poi compito dell’Agenzia delle Entrate quello di comunicare al Comune dove è allocato l’immobile la dichiarazione di successione e voi potrete usufruire dell’immobile ereditato. Qualora aveste ancora domande sulla procedure di successione il consiglio è di porle al vostro commercialista di fiducia.

Questa voce è stata pubblicata in Normative. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>