Sovvenzioni per l’acquisto di montascale

L’istallazione presso la propria abitazione di un montascale non sempre è alla portata di tutti. Per alcuni disabili è uno strumento necessario per consentirgli di poter deambulare fuori casa. Lo stato a tal proposito ha sancito con il decreto legge n. 13 del 9 gennaio 1989 la possibilità da parte dei disabili di fare richiesta di una sovvenzione per eliminare le barriere architettoniche e poter così istallare un montascale.Possono beneficiare di questo decreto i disabili che riportino menomazioni o limitazioni funzionali dell’apparato motorio, chi ha a carico la categoria di disabili sopradescritta o i loro condomini e i centri e gli istituti per l’assistenza di persone con le medesime disabilità. Hanno altresì precedenza coloro la cui disabilità è totale e che siano in possesso di una certificazione che lo provi.

La richiesta andrà inoltrata al comune di competenza al quale spetterà anche il compito di verificare la reale situazione dell’immobile dove si deve intervenire in funzione del fatto che il contributo non può essere richiesto per lavori già in fase di esecuzione. Solo nel caso in cui l’immobile in questione abbia dei vincoli di tipo artistico o storico allora la richiesta andrà inoltrata agli enti competenti.

Nella fattispecie la richiesta va presentata al sindaco del comune dove si trova l’immobile, in carta da bollo ed entro e non oltre il 1° marzo di ogni anno. Sarà il disabile o chi ne ha la tutela o la potestà a presentarla.
All’interno della domanda vanno inserite la descrizione delle opere con relativo preventivo di spesa per le medesime, i certificato medico del disabile in oggetto e un’autocertificazione fatta dal richiedente dove viene descritto il tipo di barrire architettoniche che vuole abbattere, dove si trova l’immobile attestando inoltre che sta richiedendo un contributo per lavori che non sono già stati fatti nè sono in corso d’opera.

Il contributo ha un’entità variabile in funzione delle spese effettivamente sostenute per le opere. Viene infatti erogato solo dopo la realizzazione delle opere suddette e in base alle fatture debitamente presentate verrà calcolata la cifra spettante al richiedente. A tal proposito è compito e interesse del richiedente di comunicare al sindaco il termine dei lavori e l’invio delle fatture relative.
Se una domanda non viene soddisfatta per insufficienza di fondi viene automaticamente inserita in lista per l’anno successivo.

Oltre a ciò è bene sapere che per acquistare un montascale si applica una agevolazione fiscale previste per legge e dunque su di essi si applica l’iva al 4%.

Questa voce è stata pubblicata in Normative. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>