Tipi di robot da cucina: quale scegliere?

Magari avete appena terminato la vostra nuova cucina e magari state rimuginando quale sia il robot da cucina che effettivamente fa al caso vostro. La scelta è così vasta da sembrare una giungla: come riconosco un prodotto valido da uno che mi dura solo un paio d’anni? Quale ha la lama e il motore abbastanza potenti da triturare senza problemi il ghiaccio (perchè mi piacciono le granite…)? Oppure con le due pesti più il marito che mangiano più del diavolo della Tasmania quale robot ha una capacità sufficiente per tritare grandi quantità?
Queste ed altre domande ci frullano in testa quando facciamo un giro tra gli scaffali osservando i tanti modelli in vendita. La scelta del robot dipende sicuramente dal tipo di cuochi che siamo, ovvero se cuciniamo tanto e ci piace anche lavorare alcune materie prime oppure cuciniamo quotidianamente ma senza vagare molto nel mondo culinario.

A cosa stare attenti

Chiariamo anzitutto a cosa stare attenti quando valutiamo un prodotto in base alle nostre esigenze:

  • la potenza (del motore), che mediamente varia dai 750 a 1000 Watt;
  • la capacità. Il contenitore ha solitamente una capacità che va dai 0,75 ai 2 litri e può essere sia di plastica che di metallo (soprattutto nei robot per preparazioni più complesse o per cottura);
  • il tipo di lama. Se si vuole che duri a lungo, oltre ad avere una lama in metallo questa dovrebbe essere resistente e avere dunque un certo spessore. Ci sono anche robot con lame in plastica, che però avranno sicuramente una vita più breve di quelle in metallo, materiale più duro e resistente;
  • i tipi di velocità. Ad un certo tipo di preparazione si addice una certa velocità, ad esempio una velocità bassa servirà per affettare, una più alta per grattugiare o tritare finemente o la velocità ad impulso per impastare;
  • la dimensione del robot. Se abbiamo una cucina con poco spazio, anche questo è un criterio di scelta importante, visto che molti robot da cucina possono risultare ingombranti.

Chiediamoci per cosa lo usiamo

Se è per fare solo i soffritti, per tritare il prezzemolo o la mela al bimbo piccolo, un modello standard di robot da cucina con pochi accessori fa al caso nostro.
Se lo usiamo anche per preparazioni un poco più complesse, ad esempio per fare il pesto, per emulsionare salse o creme o per tritare il ghiaccio con le esigenze culinarie della cuoca cresce anche l’esigenza di avere un ottimo prodotto. In questo caso avremo bisogno probabilmente di un robot con diversi accessori (ad es. la frusta per montare, il bicchiere frullatore o le diverse lame per tagliare le verdure).
Se il robot da cucina deve anche cuocere le pietanze, allora il campo dei prodotti si restringe e il prezzo vola. Col prodotto che compreremo dovremmo essere però in grado di preparare in poco tempo una cena completa (magari anche a vapore!).

Guardiamo i vari tipi di robot da cucina

Io li suddividerei in 4 tipi:

  • i robot per frullare, tritare, emulsionare o spremere
  • i robot per lavorare le materie prime (montare, impastare ecc.), tipo Kitchen Aid
  • i robot multifunzione, anche per cuocere (il più conosciuto è il bimby della marca tedesca Vorwerk)
  • i robot per preparazioni specifiche (gelati e sorbetti, preparazione di pasta al torchio o della sfoglia)

I robot multifunzione spesso includono la maggior parte delle funzioni degli altri robot. Come ho detto, non c’è un robot migliore o peggiore, l’importante è sapere cosa acquistare perché sappiamo come utilizzeremo quell’elettrodomestico.
Un robot da cucina standard utilizzato soprattutto per tritare piccole quantità di verdura o frutta parte dai 30 euro. La differenza nel prezzo la fanno sicuramente i materiali (quelli di fascia di prezzo inferiore sono solitamente di plastica) e la potenza del motore.
Per avere un’idea del massimo di funzioni che un robot da cucina può avere, prendiamo ad esempio il Bimby (Vorwerk). Con questo potente (fino a 1500 kw) robot è possibile non solo tritare le verdure o la frutta secca, frullare la frutta o la verdura, tritare il ghiaccio o montare gli albumi, ma anche cuocere risotti, arrosti, verdure, creme per dolci, impastare la pasta per la pizza o frolla. Con uno speciale complemento è addirittura possibile la cottura a vapore.
Un tale robot si trova si nelle cucine professionali di ristoranti, ma spesso anche nelle cucine di chi ha bisogno di un supporto per preparare un pasto fresco e sano, che può risultare difficile da realizzare nella quotidianità piena di impegni casalinghi e non. Mentre la macchina cuoce, è infatti possibile dedicarsi ad altre attività. Lo svantaggio di questo tipo di robot è indubbiamente il costo (se nuovo, ben oltre i 500 euro).

Le marche più conosciute

Tra le marche più conosciute e più consigliate dominano quelle tedesche come Bosch o Siemens. Ma scegliendo il prodotto giusto con un buon rapporto qualità/prezzo è sicuramente possibile trovare un robot da cucina di altre marche che fa per noi. Difficilmente comunque è possibile trovare un prodotto di qualità (tipo che superi il mese ;-)) di marche sconosciute.

  • Kenwood, il cui modello più versatile (e costoso) è il Kenwood Cooking chef (sopra i 200 euro).
  • Siemens
  • Bosch
  • De Longhi
  • Moulinex
  • Imetec. Specializzata soprattutto in mini tritatutto.
  • Braun
  • Krups
  • Vorwerk. La Vorwerk produce il Bimby, che non si può acquistare in negozio ma solo tramite vendita diretta (con dimostrazione) a casa.
  • Philips
  • Cusineart, in Italia poco conosciuta ma molto diffusa in America e famosa per le sue gelatiere. Si trova per ora solo su internet.
  • Kitchen Aid. Marca sicuramente più diffusa in Italia della Cusineart, questa azienda produce un robot da cucina utilizzato soprattutto da pasticceri professionali o amatoriali, perchè fantastico per montare panna, albumi e tuorli così come per lavorare gli impasti. Inoltre è prodotto in colori davvero accattivanti.

Un ultimo consiglio per chi vuole comprare un buon robot da cucina, è di stare attenti alle vendite di outlet online (privalia, saldiprivati, buyvip ecc.), spesso dedicate a marche di elettrodomestici sopra indicate, in cui si può trovare il prodotto con un buon risparmio rispetto all’acquisto in negozio o su altri siti di elettronica.

Questa voce è stata pubblicata in Prodotti. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Tipi di robot da cucina: quale scegliere?

  1. giuseppe scrive:

    Buongiorno io dovrei acquistare un robot da cucina che mi servirebbe essenzialmente per tritare frutta secca e fichi secchi , ho visto sul volantino della mediaworld in offerta a 159 euro kenwood food processor FP920 POTENZA 1000watt capacità fino a 3 litri volevo chiedere a voi un consiglio se e ottimo da acquistare . grazie per l’attenzione aspetto risposta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>